Annota tutte le domande che hai per il tuo medico

Annota tutte le domande che hai per il tuo medico

Di K. Aleisha Fetters, 13 novembre 2020 “

Thinkstock

Se hai la sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS), probabilmente sai che sono disponibili alcuni trattamenti modificanti la malattia (DMT). Ma dovresti anche sapere che ci sono passaggi che puoi intraprendere per rendere tali trattamenti più efficaci, così come cose che dovresti evitare che potrebbero avere un impatto negativo sul trattamento.

Le persone con RRMS hanno circa una dozzina di trattamenti modificanti la malattia che possono ridurre le probabilità di sviluppare ricadute distruttive o debilitanti, afferma Troy Desai, MD, neurologo presso l’Allegheny Multiple Sclerosis Center di Pittsburgh, in Pennsylvania.

I DMT “non possono tornare indietro nel tempo” e riparare i danni che si sono già verificati al sistema nervoso, continua il dottor Desai. Ma possono rallentare la progressione della malattia e ridurre le probabilità che nuove lesioni si sviluppino nel cervello o che le lesioni si ingrandiscano.

Cose da fare per il trattamento della sclerosi multipla

Ecco cosa puoi fare per massimizzare l’efficacia del tuo trattamento per la SM:

INIZIA il trattamento il prima possibile. Secondo la National MS Society, la tua malattia potrebbe aver causato danni significativi e irreversibili al tuo sistema nervoso centrale anche prima di manifestare qualsiasi sintomo. Prima inizi a prendere i farmaci, più è probabile che siano in grado di rallentare la progressione della tua SM e ridurre le tue possibilità di sviluppare più lesioni, osserva la National MS Society.

Rimani in contatto con il tuo medico. A volte le terapie possono smettere di funzionare. “In genere consiglio ai pazienti di contattarmi se hanno nuovi sintomi, soprattutto se durano costantemente per 24 ore o più”, afferma Nicoline Schiess, MD, MPH, assistente professore nel dipartimento di neurologia della Johns Hopkins Medicine a Baltimora. Raccomanda anche una risonanza magnetica cerebrale annuale. Quando si hanno nuovi sintomi o ci sono segni di infiammazione sulla risonanza magnetica cerebrale, potrebbe significare che la terapia attuale non tiene sotto controllo la malattia e potrebbe essere necessario cambiare farmaco, dice il dott.Schiess.

Assuma i farmaci come prescritto. Le persone hanno tutti i tipi di scuse per interrompere i farmaci dopo poche settimane o pochi mesi, secondo la National MS Society. Ad esempio, si sentono meglio, non si sentono meglio o il farmaco ha effetti collaterali spiacevoli che li fanno sentire peggio di quanto non abbia mai fatto la loro SM. Ma è importante continuare il trattamento perché funziona “dietro le quinte” per aiutare a rallentare la progressione del tuo RRMS. “Saltare le dosi o non prenderlo come prescritto può provocare attività dannose della malattia”, dice Schiess. “Potrebbero esserci dei danni anche se potresti sentirti bene. “Ricorda, l’obiettivo di DMT è prevenire nuovi danni, aggiunge.

Conserva una cronologia del trattamento. Essere organizzati è una delle cose migliori che puoi fare per aiutare con il trattamento della SM, dice Schiess. “Conserva copie della tua cartella clinica e portale con te quando vedi il tuo medico”, dice. “Consiglio un raccoglitore diviso in diverse sezioni: note del medico, esami di laboratorio, studi di imaging, eccetera. “Avere queste informazioni a portata di mano ti aiuterà a essere il tuo avvocato. Annota tutte le domande che hai per il tuo medico. In questo modo non dimenticherai di chiedere informazioni su di loro durante l’appuntamento.

Cerca assistenza se hai bisogno di aiuto per pagare i farmaci. I nuovi farmaci per la SM possono costare fino a circa $ 60.000 all’anno, secondo uno studio pubblicato su Neurology nel maggio 2015. Alcune compagnie di assicurazione potrebbero anche rendere difficile ottenere un trattamento, richiedendo prima di fallire determinati farmaci, secondo lo studio. Tuttavia, ci sono una serie di programmi che possono aiutarti a pagare il costo dei tuoi farmaci, anche se hai un’assicurazione. La National MS Society ha un elenco sul suo sito web.

Cose da non fare per il trattamento della SM

Queste azioni potrebbero ridurre al minimo l’efficacia del trattamento:

NON essere impaziente. “In generale, ci vogliono dai tre ai sei mesi perché una terapia modificante la malattia abbia effetto”, dice Desai. Assicurati di dare ai tuoi farmaci abbastanza tempo per agire. Se cambi troppo presto o troppo spesso, potresti lasciarti senza protezione e la malattia potrebbe progredire più rapidamente.

NON saltare le dosi. Potresti sentirti bene e pensare di non aver più bisogno di farmaci, ma i DMT funzionano in modo più efficace quando vengono utilizzati in modo proattivo e presi come prescritto. “Pensa ai tuoi farmaci come a una polizza assicurativa”, dice Desai. “Hai un’assicurazione per il conducente nel caso in cui rimani coinvolto in un incidente d’auto. L’acquisto di un’assicurazione dopo l’incidente non ti coprirà. “Allo stesso modo, anche prendere i farmaci solo quando non ti senti bene non aiuta.

NON lasciarti scoraggiare dagli effetti collaterali. La maggior parte degli effetti collaterali sono gestibili e diminuiranno con il tempo, afferma la MS Association of America. Può essere utile aumentare la dose lentamente nel tempo. Rimanere in contatto con il medico ti aiuterà anche a tenere sotto controllo gli effetti collaterali più gravi.

NON fare affidamento esclusivamente sui farmaci. I DMT sono il cardine del trattamento della SM, dice Desai, “ma sono importanti anche uno stile di vita sano che includa una dieta adeguata, la gestione dello stress, l’esercizio fisico e l’astensione dal tabacco”.

Iscriviti alla nostra newsletter sulla sclerosi multipla!

L’ultima novità nella sclerosi multipla

MS non mi deruberà di tutti i piaceri della vita

Di Trevis Gleason, 29 aprile 2021

Lo studio del farmaco sperimentale per la SM Evobrutinib ha dato risultati incoraggianti

Evobrutinib è il primo nella classe di farmaci inibitori della BTK da valutare per il trattamento della SM.

Di Brian P. Dunleavy, 26 aprile 2021

20 anni di convivenza con la SM, inediti

Di Trevis Gleason, 23 aprile 2021

Il farmaco Ponvory per la sclerosi multipla recentemente approvato riduce l’affaticamento, studi dimostrano

Ponvory riduce anche le ricadute e le nuove lesioni nelle persone con forme recidivanti di SM.

Di Brian P. Dunleavy, 21 aprile 2021

Con la SM, l’isolamento sociale era la mia norma prima della pandemia di COVID-19

Di Mona Sen, 21 aprile 2021

In che modo il tuffo e il riemergere di Gannet mi ricordano la vita con la SM

Di Trevis Gleason, 15 aprile 2021

Telemedicina per la cura della SM: due pollici in su

I pazienti con SM e gli operatori sanitari affermano che vorrebbero mantenere le visite virtuali come opzione in futuro, anche dopo che la pandemia si sarà placata. . .

Di Don Rauf, 13 aprile 2021

Come il mio dialogo interiore mi protegge fisicamente ed emotivamente

Di Mona Sen, 9 aprile 2021

Come imposto uno spazio di lavoro a casa pensando alla SM

Di Trevis Gleason, 9 aprile 2021

L’importanza di curare i muscoli quando si ha la SM

Di Trevis Gleason, 1 aprile 2021 “

Portare il peso in eccesso aumenta il rischio di malattie cardiache e aumenta lo stress sulle articolazioni, che può aggravare la spondilite anchilosante. I cambiamenti dello stile di vita che incorporano strategie alimentari sane e un regolare esercizio fisico possono fare miracoli per gestire il tuo peso ei sintomi della spondilite anchilosante (AS).

Perdere peso e AS: creazione di un piano di gestione del peso

Determina il tuo range di peso sano. Chiedi al tuo dietologo o medico di aiutarti a determinare un obiettivo di peso sano e pianificare un limite calorico giornaliero in base alla tua altezza, età e livello di attività. Sottoponiti a test per allergie alimentari e carenze nutrizionali. Ci sono alimenti che contribuiscono ai tuoi sintomi? Ti mancano alcuni nutrienti, in particolare quelli che potrebbero essere influenzati dai tuoi farmaci? Queste risposte ti aiuteranno a creare la dieta giusta. Puoi provare una dieta di eliminazione per vedere se hai allergie alimentari. Si ritiene che latte, carne rossa e glutine contribuiscano all’infiammazione. Tuttavia, se elimini gli alimenti dalla tua dieta, sostituisci i nutrienti che contengono. Ad esempio, i latticini forniscono calcio, importante per la salute delle ossa e delle articolazioni. Se scegli di rinunciare al latte, anche se ti senti meglio, assicurati di assumere calcio e vitamina D in altri modi perché l’AS ti espone a un rischio maggiore di osteoporosi. Mangia regolarmente. “Non saltare i pasti”, afferma Amanda Holliday, RD, assistente professore di nutrizione presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill. Il dottor Holliday dice che saltare i pasti è una strategia comune per la gestione del peso, ma in realtà non è il modo più efficace per perdere peso. Invece, impara a pianificare almeno tre pasti equilibrati e spuntini sani per la tua giornata. Questo ti aiuterà anche a mantenere alta la tua energia durante il giorno. Scegli cibi ricchi di nutrienti. “Riempi il tuo piatto di frutta e verdura”, dice Holliday. Questi alimenti sono ricchi di una varietà di vitamine e minerali e non aggiungono molte calorie. Contengono anche antiossidanti, che possono aiutare a combattere l’infiammazione. Assicurati solo di aumentare gradualmente l’assunzione di verdure: per alcune persone con spondilite anchilosante, più verdure (e meno latticini) possono portare a più dolore gastrointestinale, secondo una ricerca svedese pubblicata sulla rivista Clinical Rheumatology. Se inizi a provare ulteriore sofferenza intestinale, informa il tuo medico. Scegli proteine ​​magre. Il pollo e il pesce magri sono ottime fonti di proteine ​​per una dieta ipocalorica. Limita i carboidrati. “Il riso integrale e la quinoa sono eccellenti aggiunte al tuo pasto”, dice Holliday. Cerca i cereali integrali e salta i prodotti raffinati, come il pane bianco, e pasticcini e snack ricchi di grassi e zuccheri che aggiungeranno calorie e mineranno i tuoi piani di perdita di peso. Sostituisci le bevande zuccherate con l’acqua. “La gente dimentica quante calorie aggiungono alla dieta le bevande zuccherate”, dice Holliday. Scegli acqua o latte magro al posto di tè dolce, soda, limonata o altre bevande con zuccheri aggiunti. Cerca di bere da 8 a 10 bicchieri d’acqua al giorno. Limita o elimina l’alcol. Bevi con moderazione, se non del tutto: l’alcol consuma la tua quota calorica giornaliera senza fornire alcun nutriente. Ciò significa attenersi a una bevanda alcolica al giorno per le donne o due per gli uomini.

Perdere peso e AS: Rendere l’esercizio parte del piano

L’attività fisica aiuta a mantenere la tua libertà di movimento e mobilità e brucia le calorie per perdere peso. Lavora con un fisioterapista o un istruttore che ha esperienza con AS per sviluppare un piano di esercizi. Anche un programma di attività fisica supervisionato a breve termine può migliorare i sintomi dell’AS.

Inizia con 15 minuti di attività e aggiungi 15 minuti al tuo allenamento ogni 6-8 settimane. Alla fine, vorrai aumentare la frequenza cardiaca per circa 45 minuti tre volte a settimana. All’inizio, evita attività di impatto come la corsa e il basket. Attenersi a esercizi a basso impatto come il nuoto, il ciclismo e lo yoga. Fai qualcosa che ti piace. È più probabile che ti attenga a una routine se ti piace l’attività. È qui che un fisioterapista può essere molto utile: può modificare gli sport ad alto impatto in base alle tue esigenze. Smettere di fumare. Il fumo può aumentare il rischio di infezione e ridurre al minimo l’efficacia dei farmaci. È anche dannoso per i polmoni e il cuore, quindi minerai i tuoi sforzi di allenamento se non smetti.

La gestione del peso è una componente importante della cura di sé con la spondilite anchilosante. Diminuire i chili di troppo potrebbe aiutare a ridurre i sintomi dell’AS e preservare la tua mobilità.

Iscriviti alla nostra Newsletter per una vita sana!

Le ultime novità nella gestione del dolore

Telemedicina per terapia fisica: funziona!

Sia i fisioterapisti che i loro clienti stanno https://harmoniqhealth.com/ trovando la terapia fisica virtuale sorprendentemente efficace.

Di Abby Ellin, 20 maggio 2020

Ted Danson si rivolge alla meditazione per alleviare il dolore

Dopo aver meditato dal 1995, l’attore lo ha trovato efficace nell’alleviare il dolore cronico, che un crescente corpo di ricerca sostiene.

Di Michele Shapiro, 29 gennaio 2020

Come tenere un diario dei sintomi può aiutarti a gestire il mal di schiena infiammatorio

Monitorare il dolore, la rigidità e altri sintomi può aiutare a determinare un trattamento efficace e prevenire la progressione verso una condizione più grave.

Di Brian P. Dunleavy, 21 novembre 2019

8 suggerimenti per la gestione del mal di schiena infiammatorio

Questi approcci non curano la tua condizione, ma possono aiutarti a gestire il disagio e prevenire ulteriori lesioni.

Di Brian P. Dunleavy, 21 novembre 2019

Secondo un nuovo studio, i centri antiveleni degli Stati Uniti hanno assistito a un forte aumento delle richieste di utilizzo del kratom

Il popolare ma non regolamentato integratore a base di erbe può innescare gravi esiti, tra cui convulsioni, coma e morte, secondo una nuova ricerca.

Di Don Rauf, 21 febbraio 2019

Come dormire quando si fa male

Entro il 17 novembre 2017

4 passaggi per un recupero più rapido della distorsione alla caviglia

Entro il 17 novembre 2017

R. I. C. E. per una caviglia slogata?

Entro il 15 novembre 2017

Suggerimenti degli esperti per alleviare il dolore alla spalla

Entro il 14 novembre 2017

10 tipi di dolore e come ottenere sollievo

Il mal di testa è diverso dai dolori muscolari o dall’osteoartrite. Anche il tuo trattamento dovrebbe essere diverso.

Di Elizabeth Shimer Bowers, 13 ottobre 2015 “

La depressione e il suicidio vanno comprensibilmente di pari passo, il che significa che per molte persone la prevenzione del suicidio è parte integrante del trattamento della depressione.

Anche se non tutte le persone depresse tentano o si suicidano, la maggior parte delle persone che si suicidano ha a che fare con la depressione.

“Il novanta per cento o più delle persone che si suicidano ha un disturbo mentale prima del momento della morte”, dice Paula Clayton, MD, direttore medico della Fondazione americana per la prevenzione del suicidio a New York City. “Il sessanta per cento soffre di depressione maggiore. Il legame tra depressione e suicidio è forte. “

Le donne hanno il doppio delle probabilità di soffrire di depressione rispetto agli uomini, ma gli uomini hanno quattro volte più probabilità di suicidarsi. In generale, gli uomini che soffrono di depressione costituiscono uno dei gruppi a più alto rischio di suicidio, indipendentemente dall’età, e il rischio aumenta anche tra gli uomini bianchi anziani di età superiore agli 85 anni. Anche gli adolescenti sono a rischio, poiché il suicidio è la terza causa principale. di morte per adolescenti.

Fattori all’opera nella depressione e nel suicidio

Un grave fattore di rischio per il suicidio è l’alcol o l’abuso di sostanze; circa una persona su quattro che si suicida ha alcol nel sangue al momento della morte, secondo uno studio recente.

Altri fattori di rischio per il suicidio includono:

Una storia familiare di suicidio, malattia mentale o abuso di sostanze Una storia personale di precedenti tentativi di suicidio Una storia di abusi sui minori in famiglia Isolamento dagli altri Una recente perdita significativa, come un lavoro, una relazione o una persona cara Un senso di disperazione Facile accesso alle armi, soprattutto pistole Tendenza all’aggressività Scarso controllo degli impulsi

Prevenzione del suicidio e trattamento della depressione

“L’unico modo per prevenire il suicidio è avere un trattamento attivo e di successo”, afferma il dottor Clayton.

I passaggi per affrontare la depressione e prevenire il suicidio includono:

Capire la depressione. La depressione è una malattia cronica ricorrente e curabile, dice Clayton, ma deve anche essere presa sul serio: “I medici che curano la depressione devono essere consapevoli che la malattia può essere fatale. “Assunzione di farmaci prescritti. Gli antidepressivi sono molto efficaci nell’aiutare le persone a tornare alla persona che erano, dice Clayton. La chiave è continuare a prenderli finché non stai veramente bene, non solo finché non ti senti meglio. In combinazione con la terapia cognitiva (terapia della parola), i farmaci sono l’approccio migliore per superare la depressione. Sono disponibili molti tipi di farmaci, compreso il gruppo di medicinali più comunemente usati chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Gestire l’insonnia.

Comments are closed.